<br>Scenodramma - Amelia Frasca Psicologa Psicoterapeuta Catania


Scenodramma


Descrizione

Lo Scenodramma è un dispositivo terapeutico di gruppo per l’età evolutiva basato sul gioco, ideato da Brigitte Baron Preter.

Quest’ultima, a partire dalla sua esperienza nello Psicodramma analitico, nella Psicoanalisi di gruppo francese e nella Psicoterapia della famiglia, ha sviluppato un’originale applicazione della “tecnica del tavolino”, ovvero una psicoterapia di gruppo per i bambini risalente al secondo dopoguerra (anni ’40) ed ideata dal gruppoanalista inglese E. J. Anthony.

Metodologia ed obiettivi terapeutici

La Psicoterapia in questione, basata sul gioco in assetto di gruppo (generalmente composto da tre terapeuti e tre bambini), consente di:

  • esplorare gli scambi entro il campo mentale di gruppo, anche nei suoi aspetti inconsci;
  • individuare e trasformare le caratteristiche comportamentali ed emotive di ciascun partecipante;
  • sperimentare legami sicuri nell’involucro di gruppo attivato dal dispositivo stesso.

A seconda dei casi e del tipo di aiuto richiesto, lo Scenodramma consente di perseguire obiettivi:

  • di cura (psicoterapeutici);
  • di riabilitazione cognitivo-relazionale;
  • ludico-espressivi.

Destinatari e contesti di intervento

Come nella sua tradizionale applicazione, il dispositivo Scenodramma viene utilizzato per la cura di bambini dell’età della scuola materna e dei primi anni della scuola elementare (4-8 anni) con:

  • comportamento iperattivo con difficoltà specifiche di attenzione e concentrazione (che disturbano il loro sviluppo cognitivo);
  • instabilità motoria e relazionale (che disturba la loro socializzazione);
  • sofferenza per le condizioni di grave disagio socio-familiare in cui sono coinvolti;
  • grave disorganizzazione della personalità (è il caso per esempio, di coloro che presentano inibizione severa e chiusura relazionale, detto altrimenti ritiro schizoide, con conseguenziali difficoltà di comunicazione e di sviluppo del linguaggio);
  • sintomi o disturbi psicotici;
  • patologie autistiche;
  • ritardo mentale.

Più di recente, lo Scenodramma è stato impiegato come Psicoterapia di:

  • Adolescenti con grave ritiro sociale e disorganizzazione affettiva della personalità;
  • Famiglie con bambini disabili;
  • Famiglie con bambini con disagio psico-relazionale (nonché Famiglie mono-genitoriali o con genitori separati o ricomposte, oppure con figli adottati o in affido);
  • Adulti con gravi Disturbi Mentali (psicosi);
  • Adulti con gravi Disturbi Mentali (psicosi) e le loro Famiglie.

L’A.I.S.

Tutti gli interventi di Psicoterapia (dell’Età Evolutiva o dell’Adulto) che si avvalgono del dispositivo in questione vengono svolti nell’ambito dell’Associazione Italiana Scenodramma (A.I.S.), fondata a Catania nel settembre del 2016.

L’ A.I.S., in collaborazione scientifica con l’Associazione Clinique & Créativité, promuove in Italia, Francia ed altri Paesi Europei:

  • la diffusione dello Scenodramma;
  • l’organizzazione di corsi di formazione indirizzati sia ad operatori impegnati nella cura di bambini con patologia mentale e disturbi comunicativi (dell’età della scuola materna ed elementare), sia a professionisti della relazione d’aiuto che lavorano con pazienti in età adulta in condizioni di cronicità post psicosi, di grave ritardo mentale o di degrado cognitivo.