Consulenza <br> psicologico-clinica - Amelia Frasca Psicologa Psicoterapeuta Catania

Consulenza
psicologico-clinica


Descrizione

La consulenza psicologico-clinica corrisponde generalmente ad un breve ciclo di incontri con obiettivi circoscritti. Essa non è pensata per sostituire percorsi psicoterapeutici, che richiedono tempi di sviluppo più significativi, ma per rispondere ad esigenze precise dell’utenza.

Si fa riferimento, per esempio, alle situazioni in cui è opportuno che il clinico svolga un’azione di prevenzione, limitandosi, dopo una valutazione generale, ad informare e sensibilizzare i familiari circa le caratteristiche psicologiche del loro congiunto (mettendoli nella condizione di prestare il supporto di cui quest’ultimo necessita).

Oppure, ai casi in cui l’utente, per la sua condizione psicopatologica, ha bisogno in una prima fase di trattamento residenziale o semi-residenziale (ed occorre indirizzarlo verso Servizi non ambulatoriali e/o convenzionati con il Sistema Sanitario Nazionale, per accedere solo in un secondo momento a Psicoterapia ambulatoriale).

Di conseguenza, la consulenza psicologico-clinica può essere di Tipologia diversificata e variare per metodologia e durata.

Tipologia

A seconda di chi la richieda, dei vari attori coinvolti e degli obiettivi che è opportuno perseguire, una consulenza psicologico-clinica può essere di tipo:

  • Individuale;
  • Di Coppia;
  • Familiare.

Metodologia

In base alle caratteristiche (età, funzionamento emotivo, pattern sintomatici) dell’utenza per la quale viene richiesta la consulenza psicologica, il clinico, assieme a chi usufruirà dell’intervento, valuta:

  • in quale contesto svolgere la propria opera professionale (scolastico, domiciliare, presso il proprio Studio);
  • di quali supporti avvalersi (per esempio, kit di gioco piuttosto che test psicologici);
  • se ricorrere al contributo di altri soggetti significativi (per esempio, insegnanti nel caso di bambini o adolescenti che frequentano la Scuola, oppure di altri specialisti se la psicopatologia del paziente merita specifiche valutazioni diagnostiche).

Durata

La durata della consulenza psicologico-clinica è legata a:

  • gli obiettivi che si intende perseguire;
  • alla risposta clinica del soggetto che la richiede o per la quale viene richiesta;
  • alla tipologia di consulenza che si sceglie di svolgere;
  • alla metodologia adottata.